lunedì 18 marzo 2013

SALARI KO... ANCORA...


Nella classifica "salari" l'Italia si piazza al dodicesimo posto nell'Ue a 27, sotto la media della zona euro, ma leggermente sopra quella dell'intera Ue. E' quanto emerge da un report dell'Istat, secondo cui la retribuzione oraria lorda a ottobre 2010, espressa in termini nominali (senza tener conto del potere di acquisto), è inferiore di circa il 14,6% a confronto con quella della Germania, del 13% nel paragone con il Regno Unito e dell'11% con la Francia; risulta invece superiore del 25,9% rispetto alla Spagna.

Il confronto è relativo alla retribuzione oraria del mese di ottobre dei dipendenti che hanno un contratto a tempo pieno ed esclude gli apprendisti. Nel dettaglio, l'Italia, con 14,5 euro, si colloca più in basso a confronto con la media dell'Unione monetaria, ma risulta superiore a quella della Ue a 27. Infatti, la retribuzione oraria, sempre a ottobre 2010, è pari a 14,0 euro per ora retribuita nell'intera Unione e a 15,2 euro in Eurolandia. In generale nella graduatoria europea, i valori più elevati si registrano in Danimarca (27,09 euro), Irlanda (22,23 euro) e Lussemburgo (21,95 euro), quelli più bassi in Bulgaria (2,04 euro), Romania (2,67 euro), Lettonia e Lituania (rispettivamente 3,78 euro e 3,44 euro).

Quanto al rapporto, pubblicato dall'Istituto di statistica all'inizio della settimana, si tratta di una rilevazione quadriennale sulla struttura delle retribuzioni, armonizzata a livello europeo. L'indagine analizza il mese di ottobre perchè sono limitati gli effetti della stagionalità e la presenza di giorni festivi.
Dalla rilevazione, viene sottolineato, sono escluse oltre alle attività del settore agricolo, quelle della pubblica amministrazione in senso stretto (amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria). Inoltre, spiega l'Istat, «nei confronti internazionali, al fine di tenere in considerazione le differenze della durata del lavoro e dei sistemi nazionali di welfare, è utilizzato generalmente l'indicatore della retribuzione lorda oraria». Il risultato sono, viene evidenziato, «dati armonizzati a livello europeo» che «permettono il monitoraggio, a cadenza quadriennale, dell'andamento del mercato del lavoro e delle retribuzioni nei diversi Paesi, fornendo rilevanti informazioni per l'orientamento delle politiche del lavoro e la valutazione del grado di competitività delle economie nazionali».
(Il Messaggero)

Ovviamente, diamo sempre la colpa ai festivi (come se gli altri paesi non avessero giorni festivi) e agli altri mesi dell’anno se gli stipendi degli Italiani sono così miseri!
Proprio oggi Jena Desperate ha fatto due ore di fila all’ufficio di collocamento per iscriversi a un tirocinio che non sa nemmeno se e quando avrà inizio, per guadagnare forse 400 euro al mese per un massimo di 6 mesi e con la garanzia finale di tornare nuovamente disoccupato.

Senza offesa, degli altri paesi ci interessa ben poco, come dice Jena Junior ognuno guardi la rogna di casa sua, dunque che i politiconi si diano da fare per risollevare la nostra economi a e aumentare per una volta tanto gli stipendi e non le tasse.


17 commenti:

  1. Sì, non capisco perchè dobbiamo sempre confrontarci, e uscirne perdenti, con quello che fanno gli altri. Pensiamo a casa nostra, cerchiamo di risolvere il problema della nostra economia prima che la situazione esploda davvero.
    Ciao, buona settimana un abbraccio zamposo.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Antonella, il tuo commento ha centrato il nocciolo del problema!
      Un abbraccio con bacetto zamposo

      Elimina
  2. In compenso però i nostri politici si aumentano ancora gli stipendi, che bello...
    Un abbraccio a tutti voi ragazzi!

    RispondiElimina
  3. E quando mai si alzeranno i nostri stipendi?
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se andiamo avanti così crediamo mai, un abbraccio zamposo a te e Lago!

      Elimina
  4. Beh io un salario ancora non ce l'ho quindi immaginate...
    Un baciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sappiamo, lo sappiamo...
      Un abbraccio zamposo

      Elimina
  5. Conosciamo bene questa situazione, anche noi non navighiamo nell'oro e siamo in attesa di qualche segnale positivo che ancora non arriva.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio zamposo a voi ragazza

      Elimina
  6. Care Jene,
    queste è ciò che emerge dai dati ufficiali, ma sono sicura che se prendessimo i dati inerenti al lavoro nero (una fetta enorme dell'economia sommersa), troveremo salari da terzo mondo. Io conosco gente che lavoro 11-12 ore al giono 7 gg su 7 per 500 euro. In realtà lo schifo è ben più spaventoso.
    Un abbarccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E il guaio è che il lavoro in regola si sta equiparando al lavoro in nero...
      Un abbraccio zamposo

      Elimina
  7. Quindi i nostri salari sarebbero bassi perchè ci sono i festivi?
    Non mi sembra che nel resto del mondo le festività siano state soppresse, soprattutto quelle religiose: che trovino una scusa più convincente del tipo "i salari dei lavoratori italiani sono bassi perchè noi politici italiani rubiamo di più".
    Questa è la giusta scusa.
    Un abbraccio alla savana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Xavier, ma ce le vide i politici con la loro faccia di tolla a dire la verità? Sarebbe come dire che Babbo Natale non esiste, un abominio!
      Un abbraccio zamposo

      Elimina
  8. Bella cosa, dare la colpa ai giorni festivi! Alzare i salari no?
    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Matilda, anche tu pretendi troppo!
      Un abbraccio zamposo

      Elimina
  9. Non sono solo i salari bassi, sono anche i prezzi che aumentano a fare tanti casini!
    Un abbraccio

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...