giovedì 9 maggio 2013

SE IL PANE AVVELENA...


ROMA - L’arsenico ha contaminato con maggiori concentrazioni i cittadini di Viterbo e provincia. Lo decretano i dati choc dell’Iss, l’Istituto Superiore di Sanità, che ha condotto uno studio, in collaborazione con gli Ordini dei medici, per monitorare lo stato di salute dei residenti di 5 comuni della provincia di Latina, Roma e delle aree del viterbese (16 comuni). 
Tutte zone interessate dal problema dell’eccessiva presenza di arsenico nelle acque pubbliche: a dicembre 2012 era infatti scaduta la terza deroga europea in dieci anni, che consentiva di erogare acqua con livelli della sostanza tossica superiore a 10 microgrammi per litro. Un provvedimento scaturito anche a seguito dell’introduzione dell’arsenico tra le sostanze cancerogene da parte dell’Oms fin dal 2001. 
A inizio gennaio erano scattate le ordinanze dei sindaci e i divieti per i cittadini di utilizzare l’acqua dei rubinetti. Persa la corsa contro il tempo per la creazione di dearsinificatori e la messa a norma degli acquedotti, agli abitanti non è rimasto altro che rifornirsi quotidianamente alle fontanelle non fuorilegge.
BAMBINI A RISCHIO – A Viterbo e provincia, secondo l’Iss, la concentrazione della sostanza nell'organismo dei residenti è oltre il doppio rispetto a quella nella popolazione generale. Maggiori concentrazioni sono state rilevate anche nei bambini. 
Le analisi sono state condotte su campioni di unghie e urine di 269 soggetti sani (da 1 a 88 anni di età) residenti nelle aree a rischio. Nei viterbesi, la concentrazione della sostanza nelle unghie è risultata pari a 200 nanogrammi per grammo contro gli 82 nanogrammi di un gruppo di controllo nella popolazione generale. Livelli alti anche nelle urine, ma solo dei soggetti che usano l'acqua sia per bere che per cucinare: 20 microgrammi per litro contro i 15 microgrammi come livello atteso più elevato nella popolazione generale.
(Roma.corriere.it)

Lo so, sembriamo ripetitivi, ma la domanda è una sola: scusate, che cazzo mettono nei nostri cibi?!
I nostri soldi che dovrebbero servire anche per i controlli, dove vanno a finire?



14 commenti:

  1. Mettono la spazzatura nei nostri cibi, care Jene, e poi chi ne fa le spese sono i consumatori.
    Una vergogna!
    Un abbraccio a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è decisamente una vergogna,
      un abbraccio zamposo

      Elimina
  2. Ma sapete che senza di voi non l'avrei saputo? I giornali non ne hanno parlato tanto, forse per non allarmare le persone, però bisogna chiarire e risolvere il caso.
    Un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, si deve assolutamente chiarire e comunque tacere è sbagliato perchè la disinformazione porta morte.
      Un abbraccio zamposo

      Elimina
  3. Non è questione di essere o meno noiosi è che tutti i giorni spunta una "porcata " nuova e quindi tutti i giorni siamo obbligati a chiederci che cosa ne fanno dei nostri soldi. E tutti i giorni ci sentiamo impotenti e non possiamo far altro che dire " è una VERGOGNA" .
    Fate benissimo a riprendere sempre questi casi, i telegiornali non ne parlano molto ( questa dell'acqua per esempio l'ho sentita una sola volta alcuni giorni fa poi più niente ) e invece bisogna tenere l'attenzione puntata se vicende come questa.
    Ciao, buon pomeriggio e un abbraccio zamposo.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Jena Viaggiante per il tuo sostegno, è che anche a noi ogni tanto viene il dubbio di annoiare i lettori, ma non si può davvero stare zitti su faccende come questa!
      Un abbraccio zamposo

      Elimina
  4. Ciao Jene,
    me lo chiedo sempre anch'io e ultimamente ho anche letto un bellissimo post, da Xavier, sull'argomento. Comunque ci mettono lo schifo dovremmo ritornare al passato e fare tutto noi ;)
    Abbraccione zamposo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sarebbe anche un bel modo per risollevare l'economia del paese!
      Un abbraccio zamposo

      Elimina
  5. e ora arriveranno anche i kiwi con dentro la polvere d'argento .......quindi bisogna stare sempre attenti a cosa si mette sotto i denti ......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì, anzi grazie per l'avviso.
      Un abbraccio zamposo

      Elimina
  6. Ciao care Jene,
    sono pienamente d'accordo con Audrey....
    Buona serata:)
    Luci@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il commento, buona giornata zamposa

      Elimina
  7. Pane all'arsenico, acqua ai nitrati, potassio e fosfati, aria condita da polveri sottili... direi un bel mix di veleni che ogni giorno attentano alla nostra salute.
    un saluto alla savana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veleni che cerchiamo di combattere ma ovviamente miracoli non se ne possono fare: si stava meglio secoli fa!
      Un abbraccio zamposo

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...