sabato 12 gennaio 2013

MA CI FANNO O CI SONO?


Giusto ieri Jena Media (la nostra Jena che fruga tra i programmi televisivi in cerca di spazzatura) ha concluso la sua caccia.
Guardando un programma, ha sentito questa frase è giusto educare i bambini al lusso sin da piccoli e ovviamente ha scritto con noi questo post...

Educare i bambini al lusso, ecco l’ennesimo schiaffo alla povertà!
Allora, se una persona si permette di dire una frase del genere e ci sono centinaia di persone che seguono questo programma i casi sono due: o la crisi non esiste o esistono centinaia di rincretiniti che ipnotizzati dal televisore non capiscono più niente.
Secondo noi Jene sono valide entrambe le ipotesi.

Che non esiste la crisi per tutti gli italiani è un dato di fatto, altrimenti non si capisce come mai ci sono persone che non sanno mettere insieme il pranzo con la cena e ci sono invece persone che intascano qualcosa come 25.000 euro netti al mese (se vi interessa sapere chi sono vi diamo un indizio: siedono su delle poltrone rosse e non fanno niente tutto il giorno, a volte si presentano come il nuovo che avanza).

Che esistono persone rimbambite dalla televisione è altrettanto vero.
Molti italiani preferiscono rincitrullirsi con calcio, veline, talk show, reality, quiz a premi, programmi con gente che spande merda per sposarsi (appunto, questo è il programma reo della frase sentita da Jena Media) o per organizzare stupide feste di compleanno per bambini lagnosi piuttosto che guardarsi intorno e dire andiamo tutti insieme a Roma perché bisogna cambiare il Paese.

Più che educare i bambini al lusso, bisogna educare i nostri figli all’amore per lo stato in cui vivono, alla solidarietà, al senso di responsabilità individuale e civile, al coraggio di esprimere le proprie idee e all’essere orgogliosi di se stessi per quello che si è interiormente, non per quanti soldi si possiedono.
Infine ricordarsi sempre quello che diceva Socrate:

l’essere autentici è una ricchezza naturale, il lusso è una povertà artificiale




20 commenti:

  1. Ci sono, ci sono, ti assicuro che ci sono: conosco il programma di cui parli e sono d'accordo con voi Jene, anzi dico che programmi del genere non dovrebbero essere più trasmessi (insieme a tutta la tv spazzatura e diseducativa).

    Altro che il lusso: persone del genere andrebbero portate a spalare il letame delle mucche tutti i giorni e dovrebbero vivere come noi comuni mortali con misere cifre mensili (se poi ci sono, perchè ad esempio la sottoscritta non ha il becco di un quattrino dal momento che è disoccupata) così vediamo un pò se gli passa la voglia di prendere per il c**o le persone che sanno davvero quanto è dura la vita.

    Un abbraccio
    Mel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima Mel, siamo d'accordo con te: basta con questa diseducazione e con i programmi che rappresentano una realtà totalmente fuori da quella dei "comuni cittadini mortali".
      Anche sullo spalare letame ci trovi concordi al mille per cento.
      Un saluto dalla savana

      Elimina
  2. Ma educarli all'intelligenza?!
    Ah...già... ma come si fa se come genitore arrivo a dire una bestialità del genere?!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Keiko guarda siamo perplessi almeno quanto te: dico si può sparare una cosa del genere? Anche se non ci fosse la crisi, è il lusso un valore da insegnare ai figli?
      Mah, che roba...
      Passa un buon weekend!

      Elimina
  3. Care Jene, parlare di lusso in un momento come questo è offensivo oltre che di cattivo gusto.
    Sicuramente come madre non ho mai insegnato il lusso come valore, ritengo che sia una delle cose più futili e degradanti che l'uomo abbia inventato: sono altri i parametri (alcuni dei quali sono stati elencati da voi) che misurano il valore di una persona.
    Propongo anch'io di impedire la trasmissione di simili programmi.
    Buona domenica e un abbraccio
    Beatrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo perfettamente d'accordo!
      Buona domenica
      Jene

      Elimina
  4. Bellissimo post, concordo con il vostro dissenso!
    La nostra società si basa sui soldi e sull'apparenza, e il 90% (se non di più) dei programmi televisivi insegna esattamente questo. Come diceva Groucho Marx, trovo la televisione molto educativa. Quando qualcuno la accende vado nell'altra stanza a leggere un libro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sante parole quelle di Groucho Marx, è con i libri, civiltà e tanto rispetto che si deve combattere questo mondo fatto solo di apparenze e belletti.

      Elimina
  5. bisogna educare i bambini al lusso? e io che pensavo che bisognasse educarli alla tolleranza e il rispetto per gli altri, all'amore e alla giustizia... sono proprio rimasta indietro!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì Ellie, come vedi siamo tutti un pò rimasti indietro ma meglio noi arcaici che questi moderni personaggi vuoti.
      Un saluto dalla savana

      Elimina
  6. Jene, concordo con voi, ma scherziamo?
    educare i bambini al lusso, ma nemmeno se sei un nababbo lo dovresti fare...non ho parole, il mondo va veramente a rotoli. Che squallore!!! Indipendentemente dalla classa sociale, i bambini si devono educare all'altruismo, alla condivisione, all'amicizia, all'amore, al rispetto, all'educazione, alla civiltà, all'ecologia, alla fantasia, ai sogni, alla bellezza nelle piccole cose. Questa è l'educazione che va data, no il lusso...che gente povera e mediocre...
    un abbraccio a tutti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se poi pensi che questa gente è uguale a quella che ci governa non è difficile capire perchè l'Italia non funziona.
      Come avrebbe detto Cicerone "oh tempora, oh mores"!
      Un abbraccio anche a te

      Elimina
  7. Care Jene,sono sconcertata!
    L'educazione e il buon senso è la ricchezza più grande....
    Felice domenica!
    Ciao
    Luci@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice domenica anche a te e grazie per essere passata a trovarci.
      Jene

      Elimina
  8. Certo che non c'è mai fine al cadere in basso! Ma da quando si insegna il lusso? Ai figli, soprattutto ai figli dei ricchissimi, si insegna l'umiltà, si insegna che quello che si guadagna non si butta, si insegna il rispetto e si insegna a non dare pesci in faccia a chi non arriva a fine mese. E soprattutto si insegna a non dare mai niente per scontato. La televisione dovrebbe vergognarsi di trasmettere certe cose...e questo, come dite voi, non perchè c'è la crisi ma perchè questi sono i veri "non valori" anche in tempi di grande e generale benessere. M ad'altra parte questa è l'Italia che non riesce a fare la spesa per tutto il mese ma anche la stessa Italia che sta in coda delle ore per comperare l'ultimo modello di telefonino!
    Ciao a tutto il vostro branco e buona domenica.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, l'Italia è diventato il paese dei controsensi: gente che si indebita per comprare auto, cellulari o fare vacanze di lusso ma che non compra cibo, libri o abiti per i propri figli.
      Gente che predica bene e razzola male.
      Noi preferiamo continuare a tenere alta la bandiera dei veri valori, alla fine sono sempre quelli che ripagano.
      Buona domenica anche a te
      Jene

      Elimina
  9. Ci fanno e ci sono e purtroppo trovano proseliti.
    Ciao e buona domenica
    Xav

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo: cerca di riprenderti piccola Jena onoraria!
      Un abbraccio

      Elimina
  10. Hi, I'm Etienne, a friend of Xavier.
    I find your blog ironic and very interesting so if you want me I'll follow you with great pleasure.

    About this post, I have your same opinion: luxury is not a value and children must learn the real values of life that are respect, love, peace, tolerance and justice.

    Have a nice weekend
    Etienne

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Welcome to our blog, every friends of Xavier is also our friends!
      Jene

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...