lunedì 7 gennaio 2013

ARRIVA IL REDDITOMETRO


Anno nuovo, cazzate nuove.
Arriva l’ennesimo redditometro che quest’anno include tutte queste voci (abbiamo sottolineato per voi le più interessanti):

- TRASPORTI: assicurazione e bollo per auto, moto, caravan, camper e minicar; pezzi di ricambio; mezzi di trasporto in leasing o noleggio
- ABITAZIONE: abitazione principale, altre abitazioni, mutui, ristrutturazioni, intermediazioni immobiliari, collaboratori domestici, acqua e condominio, elettrodomestici, arredi
- ALIMENTARI E ABBIGLIAMENTO: alimentari e bevande, abbigliamento e calzature
- COMBUSTIBILI ED ENERGIA: energia elettrica, gas, riscaldamento…
- COMUNICAZIONI: spese per il telefono
- ISTRUZIONE: spese e rette per asili nido, scuola per l'infanzia, scuola primaria, scuola secondaria, corsi di lingue stranieri, soggiorni studio all'estero, corsi universitari, tutoraggio, scuole di specializzazione, master, canoni di locazione per studenti universitari
- SANITA': medicinali, visite mediche
- TEMPO LIBERO, CULTURA E GIOCHI: spese per attività sportive, circoli culturali, circoli ricreativi, cavalli, abbonamenti pay-tv, giochi on-line, abbonamenti eventi sportivi e culturali, viaggi organizzati, alberghi, centri benessere, altri servizi per la cura della persona, libri non scolastici
- ALTRI BENI E SERVIZI: oggetti d'arte, gioielli preziosi, animali domestici e spese veterinarie, donazioni in denaro a favore di onlus o simili, assegni periodici corrisposti al coniuge, donazioni effettuate, barbiere e parrucchiere.

Discutiamo appunto di queste voci, perché parlare di tutte sarebbe troppo lungo:

- alimentari e bevande: si riesce a malapena ad arrivare alla fine del mese, per caso pensano che gli italiani comprino tutti i giorni caviale e champagne?
Se la spesa costa così tanto è perché i supermercati e i centri commerciali hanno aumentato i prodotti in modo spropositato, purtroppo lo standard alimentare degli italiani resta sempre lo stesso.

- soggiorni studio all'estero: a meno che non ti chiami Berlusconi, Monti, Fini, Bossi, Bersani etc… mamma e papà non riescono a mandare i loro figli a studiare all’estero; al massimo possono garantire un entusiasmante Erasmus da Mc Donald’s, così il figlio lavora e riesce anche a pagarsi gli studi.

- medicinali, visite mediche: stiamo attenti a non ammalarci più, soprattutto i pensionati che devono scegliere se mangiare o pagare le medicine.
Previsto massiccio abbattimento di persone con malattie genetiche, croniche e malati terminali.

- cavalli: eh già, tutti possediamo un cavallo; quando l’italiano medio non sa come spendere tutti quei soldi che gli ballano in tasca tra un colloquio di lavoro e un altro va a cavallo!

- libri non scolastici: negli ultimi decenni l’Italia ha dimostrato, specie fra i giovani, di essere un popolo di ignoranti; adesso non ci sarà più nemmeno il rischio che si compri Topolino.

- animali domestici e spese veterinarie: ogni anni assistiamo all’abbandono di tantissimi poveri animali che non hanno colpe; ora grazie a questi geni della finanza ci sarà un aumento di animali domestici abbandonati se non addirittura uccisi.
E poi sono i nostri amici pelosi ad essere definiti animali.

- donazioni in denaro a favore di onlus o simili: normalmente la gente non è propensa ad aiutare chi ha bisogno, soprattutto quelli che di soldi ne hanno (infatti chissà come mai è sempre il povero che aiuta il povero), ora che le donazioni entrano a far parte del redditometro le Onlus o gli enti di beneficenza faranno prima a chiudere.

- assegni periodici corrisposti al coniuge: ci sono troppe donne costrette a rincorrere gli ex mariti per farsi pagare l’assegno di mantenimento che serve per i figli, adesso queste madri dovranno assumere un cacciatore di taglie per riuscire a farsi dare un euro. Nel frattempo noi Jene consigliamo a tutte queste mamme di andare personalmente a ringraziare queste persone geniali e appioppargli le spese dei figli.

Insomma anche quest’anno c’è la solita vecchia puzza di ipocrisia e il “buon governo” italiano le mette in quel posto ai poveri cristi: non sono gli scontrini a determinare il benessere di una famiglia specie quando è noto chi sono i veri evasori fiscali.
Tutte le caste (politici, vip, sportivi, notai, avvocati, dirigenti...) sono invitati a guardarsi allo specchio e sputarsi in faccia perché fanno veramente schifo: sono loro che mandano in rovina il paese, ma le nostre autorità se ne fregano e li appoggiano perché ci guadagnano a loro volta!
Invece di cercare accordini favorevoli, si batostino questi grandi evasori e i soldi delle nostre tasse non finiscano in tasca ai soliti ma vengano davvero usati per risollevare il paese.
L’equazione no lavoro, più tasse non funziona: quando lo capiranno sarà troppo tardi.


15 commenti:

  1. Io pensavo che fosse la dichiarazione dei redditi a determinare il reddito di una famiglia, devo essere rimasta indietro ai tempi della Berta.
    Bene, adesso avremo un paese pieno di evasori, più ignorante e a pagare saranno i soliti: grazie al Governo per questo splendido regalo della Befana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Mel, sei rimasta ai tempi della Berta purtroppo!

      Elimina
  2. non riesco a trovare delle parole abbastanza offensive... devo assolutamente aggiornare il mio vocabolario per le occasioni di incazzatura estrema... redditometro sulle donazioni??? e ancora hanno il coraggio di guardarsi allo specchio la mattina??? sulle medicine??? sto messa bene di nulla, mica è colpa mia se sono cagionevole e ho un padre malato... no, bene... ma anche tutto il resto fa accapponare la pelle. quello sui libri non scolastici è comprensibile, è più facile governare un ammasso di ignoranti. no via, devo aggiornare il vocabolario delle offese, che perlomeno gli fischino le orecchie da qui fino all'epifania del 2060... che altro si può fare? odio quest'impotenza...
    un abbraccio care jene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda penso che a questi buffoni che si chiamano politici non importi nulla se non il loro benessere.
      Un modo c'è, ma davvero tutti gli italiani saranno disposti a non votare più, non pagare più le tasse e scendere in piazza o ci saranno sempre le pecore nere?

      Elimina
    2. credo che alcuni continueranno a credere a tutto quello che rifilano media e politici, altri avranno paura...

      Elimina
  3. Cari amici, un non governo come questo è sintomo che il paese va cambiato ma se il popolo finge di non sentire o resta chiuso in casa vedo ben poco da fare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi Beatrice vediamo poche vie d'uscita...

      Elimina
  4. concordo soprattutto sulla voce medicinali e visiti mediche. Non se ne può più, il servizio sanitario è squallido e decadente, ma la cosa più grave e che nessuno aiuta chi veramente sta male. Ammalarsi è davvero un lusso e per chi come me ha sempre problemi, molto spesso di una certa entità è davvero difficile. Che schifo!!!
    Buona giornata a tutta la savana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è davvero assurdo e disgustoso il comportamento dei politici, speculare sulla salute e anche cultura NON sono indice di civiltà e di progresso.
      Ciao bella, buona serata!

      Elimina
  5. Mi associo!
    Non ho parole...penso non esistano!
    Anche a me piace molto il vostro blog care Jene!
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e grazie per aver condiviso lo Jena pensiero.
      A presto :-)

      Elimina
  6. Alla fine non si sa più cosa dire...se devo essere sincera secondo me la maggior parte degli italiani , ancora una volta, voterà e si farà convincere che così facendo farà la cosa giusta . Mi sembra che una volta si scendeva in piazza per molto meno, adesso nessuno dice niente, sembra che a tutti vada bene così e lasciamo che ogni giorno distruggano un pezzo di Italia e di " italianità "
    Ciao, buona serata.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanta verità nelle tue parole: ci chiediamo anche noi perchè non si scenda più in piazza; hai notato che quando lo si propone tutti si voltano dall'altra parte?
      Temiamo che l'amore per il nostro paese si stia lentamente spegnendo.
      Buona serata anche a te!

      Elimina
    2. Sì, l'ho notato, anche ieri sera a cena ed è una cosa che mi da fastidio, non capisco se è rassegnazione o se proprio la gente se ne frega e bada solo al suo orticello.
      Ciao, Antonella

      Elimina
    3. Per forza si voltano dall'altra parte, il coraggio è diventato un'utopia: cavoli, Hollande sta dimostrando di avere gli attributi e infatti ha deciso di tagliare i privilegi ai residenti con i conti fuori dalla Francia, dovranno pagare le tasse come tutti.
      E qui?
      Niente, altre tasse sulla povera gente e la povera gente sta zitta.
      Oh, insomma, ma voi adulti siete adulti per modo di dire?
      Avete consegnato il paese in mano a dei ladri, a noi giovani non avete lasciato niente se non debiti: svegliatevi, ma che state aspettando?!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...