mercoledì 26 settembre 2012

QUANDO LA BAMBOLA E' TRASH


Il trash colpisce anche nel mondo dei giocattoli: la creazione trash si chiama The Breast Milk Baby ed è la prima bambola che si può allattare, per finta.
È stata in realtà prodotta due anni fa in Spagna, è giunta negli Usa l’anno scorso e si vocifera che fra poco arriverà anche qui, speriamo di no.
Disponibile in sei versioni, maschili e femminili e di diverse etnie, il mostriciattolo in questione ha un costo pari a 99 dollari.
Nella confezione di vendita, insieme al bambolotto, si trova un bavaglino colorato, con due fiori rosa che dovrebbero rappresentare i capezzoli di una donna adulta.
Ma come funziona quest’atroce schifezza?
Facile: si indossa il bavaglio e si avvicina al finto seno il giocattolo, che emette suoni simili a quelli di un neonato che succhia.
Chicca finale: bisogna che la bambola faccia il ruttino dopo il “pasto”, altrimenti inizia a piangere.
Ma caz... i bambini e le bambine di oggi hanno già abbastanza problemi, era il caso di incasinare loro la vita con questa trovata da psichiatri?
Ecco, a questa bambola disumana e a chi l’ha concepita diamo il premio trash della settimana.




3 commenti:

  1. Io non ho mai amato le bambole, se ne avessi avuta una come questa le avrei fatto fare la fine di Giovanna d'Arco.

    RispondiElimina
  2. Alle bambine le bambole per risveglia il loro istinto materno, ai bambini pistole e macchinine per essere viliri... ai gay libri per diventare persone intelligenti. Secondo voi chi è più felice?

    RispondiElimina
  3. E un regalo più intelligente no?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...